Sei nella pagina Collezioni

Selettore lingua



Collezioni

Sviluppo delle collezioni

La politica seguita nelle sviluppo delle collezioni presso la Biblioteca della Scuola Normale mira a:
  • assicurare la presenza degli strumenti indispensabili per l’informazione, la ricerca generale, specialistica ed interdisciplinare anche prescindendo dallo stretto riferimento all’attività corrente;
  • assicurare l’aggiornamento della letteratura specialistica con particolare riferimento all’attività didattica e di ricerca della Scuola;
  • garantire la funzione “archivistica” della Biblioteca attraverso la conservazione delle pubblicazioni che documentino la vita istituzionale e scientifica della Scuola e delle raccolte acquisiste come donazioni o lasciti.

I criteri per la selezione

Gli acquisti

I criteri seguiti sono quelli di normale riferimento nella letteratura professionale sull’argomento. Se ne sottolineano qui i principali: qualità dell’opera; rilevanza rispetto alle esigenze correnti ed alle collezioni della Biblioteca; costo (anche se non quale elemento prioritario di scelta); presenza o meno dell’opera presso le altre biblioteche cittadine. Quest’ultimo criterio, già sistematicamente applicato per i periodici a stampa, e, più occasionalmente per le monografie e collane editoriali, trova l’occasione per consolidarsi nell’esistenza del Sistema bibliotecario pisano dell’Università e della Ricerca ed è facilitato dalla presenza del Metaopac pisano. Gli stessi principi, con le differenze derivanti dalla diversa tipologia, si applicano alle pubblicazioni elettroniche. Assumono quindi rilievo i requisiti di hardware e la qualità del software; le condizioni di accessibilità nel tempo legate al supporto (deteriorabilità; obsolescenza degli hardware, ecc.), alla politica editoriale (la sospensione di una sottoscrizione o di un abbonamento può comportare la perdita dell’accesso anche al retrospettivo per cui si è pagato) o, nel caso di selezione di pubblicazioni liberamente accessibili tramite Internet, alla stabilità.
Riguardo alle nuove tipologie di offerta da parte degli editori (ad esempio i “pacchetti” di periodici elettronici) la Biblioteca segue una politica molto cauta, fortemente legata al criterio della rilevanza. Questo non esclude, ovviamente, attenzione ed apertura  a/verso l’evoluzione del mercato editoriale e delle nuove forme di acquisto (in particolare gli “acquisti consortili”).

I doni

Non vengono di norma accettati:
  • i doppi non funzionali alle esigenze
  • le opere non coerenti con il patrimonio documentario della Biblioteca o a carattere divulgativo
  • con alcune eccezioni, gli estratti di articoli contenuti in pubblicazioni già presenti in Biblioteca
  • i fascicoli non monografici di periodici non posseduti
  • volumi sottolineati, annotati o in cattivo stato di conservazione.

L’acquisizione delle donazioni di intere raccolte è disciplinata da una particolare normativa.

A chi è affidata la selezione

Partecipano all’attività una molteplicità di soggetti: professori, ricercatori, bibliotecari, allievi della Scuola. E’ una procedura equilibrata che consente di far fronte alla quantità e specializzazione della produzione scientifica corrente e sulla cui efficacia influirà positivamente un più ampio coordinamento tra la Biblioteca e le altre strutture didattiche e di ricerca.
La selezione dei doni di singole opere è svolta direttamente dal personale della biblioteca di norma contestualmente all’arrivo delle stesse. Le acquisizioni di intere raccolte sono approvate dal Consiglio direttivo su parere del Consiglio di Biblioteca.

I criteri per la deselezione

Riguarda in genere le opere meno usate che si ritiene quindi opportuno rimuovere dalla collezione in libero accesso, e trasferire nei depositi. Più raramente, la cancellazione di abbonamenti in corso o altre pubblicazioni in “standing order” o lo scarto.
Nelle decisioni di deselezione, si tiene conto di:

  • dati ricavati da indagini sull’uso
  • presenza della pubblicazioni presso altre biblioteche cittadine
  • grado di completezza della raccolta o dell’opera
  • grado di “obsolescenza”
  • lingua della pubblicazione
  • costo e in particolare rapporto/costo efficacia

Un documento esplicitamente dedicato alla deselezione analizza  in dettaglio i criteri, la casistica e le procedure da adottare.

E’ inoltre certamente di aiuto il parere degli specialisti delle varie discipline, in particolare se oggetto di decisione è la cancellazione di abbonamenti o il trasferimento di intere collezioni presso il magazzino.

(Sandra Di Majo - Biblioteca SNS)

[pagina creata: 04-05-2004 - ultima modifica: 07-02-2017]