Sei nella pagina Catalogo e valorizzazione

Selettore lingua



Catalogo e valorizzazione

a cura di Arianna Andrei

Le edizioni antiche possedute dalla Biblioteca della Scuola Normale sono ricercabili sul catalogo-on-line.
In gran parte, oltre 6500 volumi, sono presenti sul catalogo generale, e in misura minore sul catalogo retrospettivo.
L'utente che vuol conoscere la disponibilità di un'edizione antica, utilizzando un'unica modalità di ricerca, può scegliere la Ricerca per parola e l'opzione Multibase, selezionando poi entrambi i cataloghi:  generale e  retrospettivo.
I libri antichi e rari, come tutto il materiale non in libero accesso, sono consultabili presso il Palazzo del Capitano, nell'apposita sala di lettura, dal lunedì al venerdì dalla 9 alle 13, e il lunedì pomeriggio dalle 15 alle 17, dopo averne fatto richiesta compilando un apposito registro.

Nel corso dei primi anni '90 la Biblioteca decise di immettere nel catalogo on-line, in una base dati separata, tutto il patrimonio bibliografico retrospettivo, mutuandolo dai cataloghi cartacei, per renderlo immediatamente consultabile e fruibile agli studiosi, per quanto la descrizione catalografica delle edizioni antiche fosse talvolta sommaria, priva del formato di stampa, e delle note d'esemplare.
Da alcuni anni la Biblioteca ha iniziato un lavoro di catalogazione delle edizioni antiche, con esemplare in mano, secondo lo standard Unimarc e seguendo in gran parte le indicazioni del Gruppo di lavoro Itale sul libro antico, a cui partecipa come istituzione dal 2004, con l'obiettivo di riversare sul catalogo generale la descrizione bibliografica di tutto il materiale antico posseduto.
E' stato inoltre redatto un  manuale interno  (cfr. Appendice 8 - Requisiti di uniformità per la catalogazione del libro antico nell'Opac della Biblioteca SNS), in cui vengono indicati  i criteri di compilazione del catalogo, alla luce del formato Unimarc, le norme di trascrizione e la terminologia usata nelle note d'esemplare.

Nel corso del 2004 la Biblioteca ha partecipato all'organizzazione della mostra Con parola brieve e con figura: libri antichi di imprese ed emblemi"   tenutasi presso la Biblioteca Universitaria di Pisa dal dicembre 2004 al gennaio 2005, in concomitanza con le giornate di studio Emblemi e imprese fra antico e moderno, organizzate dal Centro di Elaborazione Informatica di Testi e Immagini nella Tradizione Letteraria (CTL) della Scuola, esponendo diversi esemplari del Fondo Cantimori.  La mostra, che ha visto anche la partecipazione della  Biblioteca Universitaria di Pisa, della Biblioteca Cateriniana e dell'Archivio di Stato di Pisa, ha offerto al pubblico la possibilità di fruire di un patrimonio librario prezioso, raccogliendo materiale bibliografico di grande valore sul tema del rapporto testo-immagine. Il CTL attualmente cura fra i suoi progetti di ricerca il Progetto Emblemata, banca dati on-line in cui è raccolto il materiale iconografico studiato in questa occasione.

Nel 2005 la Biblioteca, insieme alle Biblioteche dell'Accademia della Crusca e del Circolo giuridico di Siena,  ha partecipato ad un progetto di valorizzazione di fondi antichi, promosso e finanziato dalla Regione Toscana, finalizzato alla catalogazione di edizioni del XVI secolo.
Anche questa iniziativa ha contribuito alla valorizzazione del Fondo antico Eugenio Garin, che nel 2005 è stato donato per lascito testamentario alla Biblioteca della Scuola, è stato catalogato per intero ed è già ampiamente consultato dagli studiosi.
Sul sito della Biblioteca è stato inoltre pubblicato Risorse internet per il libro antico, curato da Barbara Allegranti e Arianna Andrei, una rassegna di risorse elettroniche utili ad un approfondimento teorico per la catalogazione, ma anche di immediata consultazione, come standard, manuali, dizionari, repertori di toponimi in latino e di marche tipografiche editoriali.  Il sito  offre all'utente un repertorio di cataloghi on-line italiani, europei e statunitensi, contenenti la descrizione di edizioni antiche ed una panoramica dei più importanti progetti di digitalizzazione di libri antichi e manoscritti, realizzati o in corso di realizzazione in Italia.

Nel 2007 la Scuola ha approvato un progetto di "valorizzazione delle collezioni antiche", presentato dal Settore libri antichi e rari della Biblioteca in collaborazione con il CTL, promuovendo lo studio del profilo bibliografico delle raccolte, l'individuazione di edizioni ed esemplari di pregio, e l'organizzazione di viste guidate al Fondo antico, anche con l'ausilio di alcuni perfezionandi della Scuola.
La pubblicazione di queste pagine web è frutto del medesimo progetto.

[pagina creata: 29-11-2007 - ultima modifica: 12-09-2016]